Certified Internal Auditor – CIA

Per completare, o meglio continuare, nel percorso di crescita come auditor ho iniziato a preparare la certificazione CIA - Certified Internal Auditor dell'Institute of Internal Auditors. Mi sembra decisamente coerente con il tema su cui sono coinvolto lavorativamente.

L'esame è suddiviso in quattro parti (entrerà fra pochi mesi la versione ristrutturata dell'esame che lo porta in tre parti). Io sto preparando la parte I dell'esame "Il ruolo dell'Internal Audit in tema di governance, controllo e gestione dei rischi"; sono ancora agli inizi ma mi sembra che sia abbastanza coerente con quanto faccio normalmente nelle attività di audit. Trovo molto interessante e sensate le indicazioni dello standard di connotazione presenti nello "Standard internazionali per la pratica professionale dell’internal auditing" (tutta la parte 1xxx).

Sono ancora all'inizio dello studio della prima parte, magari scriverò qualche cosa di dettaglio su alcune parti dello studio.

Articoli collegati: CIA Candidates

Share

5 pensieri su “Certified Internal Auditor – CIA

  1. Buongiorno Andrea, vorrei avere qualche informazione/consiglio sulla modalità di preparazione alla certificazione CIA che sto iniziando ad intraprendere.
    E’ possible ottenere una sua email per contattattarla?

    Grazie

    Francesco

      1. Buongiorno Andrea e Francesco,
        mi sto interessando anche io all’esame CIA. Vorrei chiedervi quali testi usate per studiare. Ho visto che la fondazione mette a disposizione del materiale molto costoso (300 dollari per ogni modulo d’esame). Secondo me, però, anche i libri della casa editrice Wiley sono validi.
        Vi lascio il mio indirizzo mail in caso siate disponibili ad uno scambio di opinioni: simonedaversa@yahoo.it
        Saluti.

        Simone

        1. Ciao Simone,
          Io sto usando il Gleim e l’esperienza sul tema. Il problema che trovo è che non c’è di fatto la possibilità di provare l’esame dato che non ci sono esami di simulazione in italiano (il libro c’è l’ha in inglese).
          Per ora ti rispondo qui poi ti scrivo anche via mail.
          Andrea

Rispondi